Sostenibilità in Agricoltura: la ricerca di Crea e Università di Pisa

Un invito a partecipare alla survey che permette di esplorare i temi della percezione della sostenibilità in agricoltura ovvero delle possibilità e delle prospettive di sviluppo per assicurare gli alimenti alla popolazione attuale senza pregiudicare la produttività potenziale per le generazioni future [...]
  1. Home
  2. AgriData
  3. Sostenibilità in Agricoltura: la ricerca di Crea e Università di Pisa

La sostenibilità è un aspetto cruciale nella gestione dei sistemi moderni e in generale, implica la possibilità di sfruttare una data risorsa senza limitarne la disponibilità per le generazioni future. In agricoltura, tale concetto acquisisce connotati particolari, legati alla possibilità di assicurare gli alimenti alla popolazione attuale senza pregiudicare la produttività potenziale per le generazioni future, la cui popolazione probabilmente sarà maggiore della presente.

Tale esigenza conduce la ricerca agronomica e l’applicazione in campo verso sistemi di intensificazione sostenibile, nei quali si massimizzi il ritorno di resa (output) per unità di input senza pregiudicare il potenziale produttivo e il ritorno economico. Tuttavia, oltre che complessi, questi processi richiedono una ampia accettazione sociale, la quale passa sia attraverso un miglioramento delle condizioni delle società rurali, che attraverso l’accettazione comune del loro ruolo e l’aumento della disponibilità a pagare per i servizi offerti sia dalle società rurali, sia dagli ecosistemi da esse mantenute. Tra l’altro i temi della sostenibilità sono sempre più determinanti e strategici per lo sviluppo di logiche ESG, Environmental Social Governance.

Crea e Università di Pisa hanno redatto un questionario con lo scopo di esplorare una parte della percezione della sostenibilità in agricoltura. Non sono necessarie competenze nel settore agricolo o settori relazionati per la sua compilazione e i risultati verranno diffusi solamente in forma aggregata.

Compila il questionario anonimo direttamente qui.

FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*