Brad Smith, Microsoft: obiettivo sostenibilità, a che punto siamo - Agrifood.Tech
FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Brad Smith, Microsoft: obiettivo sostenibilità, a che punto siamo

Claudia Costa

Dieci anni dopo aver assunto l’impegno di ridurre del 75% le emissioni di carbonio entro il 2030, Microsoft non si accontenta più: l’entità e la velocità dei cambiamenti ambientali riscontrati in tutto il mondo sono tali da aver reso sempre più chiara la cenessità di fare sempre di più.
Ed è sulla scorta di queste considerazioni che Brad Smith, Presidente della società, ha annunciato e condiviso in un articolo (Per leggerlo nella sua forma integrale potete accedere a questo sito) diversi provvedimenti per rendere ancora più sostenibili business e soluzioni aziendali.
Il manager, in particolare, ha focalizzato l’azione su quattro aree specifiche, aggiungendo a corollario il raddoppio della tassa interna sul carbonio, portata ora a 15 dollari per tonnellata.
Il riferimento, in questo caso, è a una vera e propria tassa interna, istituita ormai dal 2012, istituita con l’obiettivo di rendere le singole  divisioni aziendali finanziariamente responsabili della riduzione delle loro emissioni di carbonio. Gli introiti derivanti da questa “carbon tax” confluiscono in un fondo che sostiene la ricerca sui temi della sostenibilità.

Primo obiettivo: Campus e data center sostenibili

Costruire, ristrutturare e gestire i campus in modo da ridurne l’impatto sull’ambiente è una delle priorità di Microsoft. Nel quartier generale a Redmond, nello stato di Washington, la società ha iniziato costruire 17 nuovi edifici privandoli dei combustibili fossili con elettricità al 100% priva di carbonio. Sta anche riducendo la quantità di carbonio associata ai materiali da costruzione dei nuovi edifici di almeno il 15%, con l’obiettivo di raggiungere il 30% attraverso un nuovo strumento online. In combinazione con la tecnologia di smart building, Microsoft sarà il primo grande campus aziendale a raggiungere obiettivi zero-carbon e zero-waste.

Nei data center, Microsoft continuerà a concentrarsi sulla ricerca e lo sviluppo per l’efficienza e le energie rinnovabili. Nel 2016, aveva annunciato che avrebbe potenziato i data center con più energie rinnovabili, fissando un obiettivo del 50% entro la fine del 2018 e superando il 60% all’inizio del prossimo decennio, continuando a migliorare. In realtà, ha raggiunto il primo obiettivo quasi un anno prima del previsto e oggi annuncia che raggiungerà il traguardo del 60% prima della fine di quest’anno. L’obiettivo è il 100% di energie rinnovabili, con l’obiettivo di superare il 70% entro il 2023.

Interessante, nel post di Brad Smith, l’accenno a una nuova iniziativa di cloud circolare basata sui dati utilizzando Internet of Things (IoT), blockchain e intelligenza artificiale (AI) per monitorare le prestazioni e semplificare il riutilizzo, la rivendita e il riciclaggio delle risorse del data center, inclusi i server. In ultimo, l’avvio una nuova strategia di rifornimento idrico che sostituirà ciò che le società di Microsoft consumano nelle regioni soggette a stress idrico entro il 2030.

Secondo obiettivo: Dati e tecnologie al servizio del pianeta

I dati parlano della salute del nostro pianeta, comprese le condizioni di aria, acqua, terra e il benessere della nostra fauna selvatica. Ma la tecnologia è fondamentale per catturare questa enorme quantità di dati e convertirla in intelligenza utilizzabile.
Dall’avvio dell’AI for Earth Program nel 2017, in cui Microsoft si impegna a sostenere i progetti che cambiano il modo in cui le persone e le organizzazioni monitorano, modellano e gestiscono i sistemi naturali della Terra fornendo l’accesso alle risorse di cloud computing Microsoft Azure (inclusi strumenti di intelligenza artificiale) e/o servizi di etichettatura dei dati, ha lanciato due nuove API che aiutano a fornire la scalabilità e la flessibilità necessarie per trasformare il modo in cui le persone che lavorano su temi di sostenibilità elaborano dati e generano informazioni preziose. Più di 230 beneficiari stanno ora utilizzando Azure e AI per creare nuovi modelli e scoprire nuovi approfondimenti. Ulteriori informazioni sul progetto sono disponibili a questo indirizzo.

“Ci stiamo impegnando a ospitare i set di dati ambientali a livello mondiale su Azure. Questi grandi set di dati governativi contengono immagini satellitari e aeree, tra le altre cose, e richiedono petabyte di archiviazione. Rendendoli disponibili nel nostro cloud, avanzeremo e accelereremo il lavoro dei ricercatori in tutto il mondo. Continueremo inoltre a lavorare per portare nuove API e applicazioni all’IA per la galleria Earth e progetti maturi in servizi a livello di piattaforma, come abbiamo fatto con la mappatura della copertura del suolo.”

Terzo obiettivo: Economia sostenibile e intelligenza artificiale

Sempre più consistente è l’apporto che Microsoft fornisce ai clienti affinché utilizzino tecnologia digitale e intelligenza artificiale per promuovere l’efficienza, trasformare le attività e creare soluzioni per un pianeta più sostenibile. A Microsoft si parla di tech intensity che Satya Nadella, CEO di Microsoft definisce come “il potenziale di aziende e paesi di far ripartire la propria crescita non solo adottando la tecnologia, ma anche costruendo la propria tecnologia”. Continua poi “in primo luogo, ogni organizzazione dovrà essere un veloce utilizzatore della tecnologia best-in- class e, altrettanto importante, avrà bisogno di costruire le proprie capacità digitali uniche, partendo da lavoratori profondamente informati sulla tecnologia più recente. Penso all’intensità della tecnologia come a un’equazione che mette in relazione l’adozione tecnologica e le capacità tecniche e come azienda Microsoft si concentra sul fornire gli input per aiutare i nostri clienti a risolverla.” Per leggere il post di Satya Nadella pubblicato su LinkedIn cliccate qui.

Nel suo post, Brad Smith cita aziende e startup che già stanno portando avanti iniziative virtuose in termini di sostenibilità ambientale sfruttando le tecnologie Microsoft come il cloud  e l’intelligenza di Azure. Sono esempi dai quali partire per portare l’impegno su scala più grande.
In particolare, Smith fa riferimento al ruolo dell’Intelligenza Artificiale in queste iniziative. sottolineando come secondo una ricerca dal titolo “How AI can enable a sustainable future. Estimating the economic and emissions impact of AI adoption in agriculture, water, energy and transport.” (disponibile a questo indirizzo) che Microsoft ha commissionato a PwC UK, una maggiore adozione di applicazioni ambientali basate sull’intelligenza artificiale in settori come agricoltura, acqua, energia e trasporto, ha il potenziale per aumentare il PIL globale fino al 4,4%, riducendo anche le emissioni globali di gas serra di ben il 4%. Si tratta di circa 2,4 gigatonnellate di CO2, equivalente all’azzeramento delle emissioni annuali del 2030 di Australia, Canada e Giappone messe insieme.

Quarto obiettivo: Cambiare la politica ambientale

Infine, la politica pubblica ha un ruolo importante nella creazione di ambienti abilitanti per accelerare la riduzione delle emissioni di carbonio. Per questo motivo Microsoft si unisce al Climate Leadership Council (CLC), un istituto di politica internazionale fondato con leader aziendali, molti dei quali sono clienti Microsoft, nonché economisti e leader ambientali per promuovere un approccio nazionale al prezzo del carbonio. Oltre alla tassa interna sul carbonio, la società ha sostenuto la recente misura di scrutinio dello Stato di Washington sul prezzo del carbonio e ritiene che sia giunto il momento di una discussione nazionale robusta sui prezzi del carbonio per ridurre le emissioni in modo economicamente valido.

Affrontare queste sfide ambientali globali è un compito importante e rispondere a questa ambizione richiederà il lavoro di tutti gli utenti di Microsoft, nonché delle partnership con i clienti, i responsabili delle politiche e le organizzazioni di tutto il mondo. Questa road map è lungi dall’essere completa, ma è un primo passo nel rinnovato impegno per la sostenibilità. Il tempo è troppo breve, le risorse troppo sottili e l’impatto troppo grande per aspettare che tutte le risposte agiscano. C’è un’incredibile opportunità da realizzare recitando, supportata da dati e tecnologia, sul cambiamento climatico. Stiamo iniziando il nostro viaggio per abbracciare quella sfida e migliorare le opportunità per tutti sul pianeta oggi.

FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all’uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi