Fusioni

Demetra e Dalbo si uniscono per scalare nel settore delle attrezzature agricole

Demetra, che già controlla i marchi Agrimaster e Breviagri, acquista il 100% del capitale della società danese Dalbo che porta il Gruppo a ricoprire grande importanza nel settore delle attrezzature agricole, con un fatturato superiore a 60 milioni di euro [...]
demetra dalbo
Luciano Paiola, presidente di Demetra
  1. Home
  2. Digital Farming
  3. Demetra e Dalbo si uniscono per scalare nel settore delle attrezzature agricole

L’acquisizione del 100% del capitale della società danese Dalbo da parte di Demetra, che già controlla i marchi Agrimaster e Breviagri, porta il Gruppo a ricoprire una grande importanza nel settore delle attrezzature agricole, con un fatturato superiore a 60 milioni di euro che lo qualifica come uno dei principali protagonisti nel settore della manutenzione del verde (Agrimaster) e nella lavorazione secondaria del terreno e preparazione del letto di semina (Breviagri e Dalbo) con una significativa presenza commerciale in tutti i paesi europei ed in alcuni continenti.

Il nuovo Gruppo è presieduto da Luciano Paiola ed opererà con delle linee strategiche ben definite: “Con l’acquisizione di Dalbo offriamo grandi opportunità di crescita ai nostri migliori concessionari, importatori ed ai nostri fornitori più performanti. La nuova dimensione del Gruppo crea una serie di vantaggi aggiuntivi a tutti coloro che contribuiscono alla creazione di valore: i nostri dipendenti, la nostra rete di vendita, i nostri fornitori ed i nostri azionisti. In particolare, dobbiamo sottolineare il tangibile supporto del nostro azionista Alcedo che ha dimostrato di credere nella nostra capacità di crescere”.

Demetra e Dalbo: chi sono

Demetra è un’azienda leader nella progettazione, produzione e commercializzazione di macchine e attrezzature per il settore agricolo, specializzate nella manutenzione e preparazione del terreno, come trinciatrici, decespugliatori, erpici rotanti e motozappe. Demetra ha una forte posizione di mercato e due marchi riconosciuti a livello internazionale (Agrimaster e Breviagri). Nel suo settore di riferimento, offre un’ampia gamma di prodotti personalizzati e di alta qualità con tempi di consegna brevi. L’azienda gestisce due stabilimenti, uno a Molinella (Bologna) dedicato alla produzione e collaudo dei prodotti Agrimaster e uno a Nogara (Verona) dedicato alla produzione e collaudo dei prodotti Breviagri.

Dalbo, con sede a Vejle (Danimarca del Sud), è stata fondata nel 1984 ed è un produttore leader nella progettazione e produzione di rulli e coltivatori per applicazioni agricole. Oggi Dalbo è tra i tre principali fornitori di rulli in Europa. Dalbo ha una presenza importante nel Nord Europa, in particolare nel Regno Unito, in Germania e nei paesi nordici e ha una presenza diretta nel Regno Unito e in Francia con filiali locali interamente controllate.

Un passo importante ma non quello finale

WHITEPAPER
Modelli di agricoltura sostenibile per un’economia circolare
Smart agrifood
Sviluppo Sostenibile

Paiola tiene a sottolineare che l’intenzione non è affatto quella di stravolgere i processi fondamentali con cui opera il Gruppo: “i tre marchi continueranno ad essere i capisaldi con cui siamo presenti sui mercati; la gamma prodotto continuerà ad essere sviluppata nell’ottica delle specializzazioni con cui siamo riconosciuti; le attività industriali proseguiranno negli attuali siti ottimizzando quelle efficienze che la metodologia produzione snella è in grado di generare”.

Dunque, Dalbo è un passo molto importante nella nostra strategia di crescita, ma non è il passo finale. “Il nostro obiettivo  – aggiunge Luciano Paiola – è di raggiungere i 100 milioni di euro di fatturato e siamo certi di poterci arrivare in tempi brevi attraverso acquisizioni mirate di aziende specialistiche, con un marchio riconosciuto in tutta l’Europa e sinergiche per prodotto, processo e presenza. Sono sicuro che il futuro sarà ricco di soddisfazioni per la nostra rete di vendita, per i nostri fornitori e per tutti noi che lavoriamo per questo Gruppo”.

FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


FacebookTwitterLinkedInWhatsApp