La ricerca di CEIGRAM sul Risk Management nell'agricoltura europea - Agrifood.Tech
FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

La ricerca di CEIGRAM sul Risk Management nell’agricoltura europea

Redazione

L’uso più sostenibile delle risorse naturali, i cambiamenti climatici, la crescente concorrenza sui mercati globali e la necessità di mantenere aree rurali prospere in tutta l’UE sono alcune delle sfide che l’agricoltura europea deve affrontare su tutti i fronti.

I rischi che gli agricoltori devono superare, sono spesso percepiti in modo diverso dagli Stati Membri, che da sempre adottano approcci differenti e personali di gestione del rischio. La nuova riforma della Politica Agricola Comune (PAC) del 2013 ha cercato di trovare un equilibrio tra il perseguimento di obiettivi politici comuni e il permesso di ciascun Stato Membro di mantenere quei mezzi che hanno funzionato rispetto al proprio approccio di gestione del rischio. Un nuovo paradigma gestionale per l’UE per quanto riguarda lo sviluppo e l’attuazione di strumenti alternativi nel Risk Management.

Il contenuto della ricerca di CEIGRAM

Lo scopo dello studio intitolato “State of play of risk management tools implemented by MS during the period 2014-2020: national and European frameworkscondotto dal Research Centre for the Management of Agricultural and Environmental Risks (CEIGRAM) è di riesaminare il grado di attuazione da parte degli Stati membri delle disposizioni sulla gestione dei rischi del regolamento (UE) n. 1305/2013, presentati alla Commissione per l’agricoltura e lo sviluppo rurale (AGRI) nel 2014.

Si evincono 3 aspetti:

  • panoramica generale dello stato di avanzamento nella gestione dei rischi 2014/2020 analizzando i programmi di sviluppo presentati dagli Stati membri (o dalle regioni);
  • somiglianze e differenze negli strumenti di gestione del rischio al fine di ottenere una migliore comprensione del loro scopo e design, i loro limiti e la loro efficienza potenziale;
  • suggerimenti sulla futura PAC per affrontare più efficacemente incertezze sul reddito e volatilità del mercato.

 

Le principali conclusioni

Dalla ricerca traspare che:

  • l’UE non offre un quadro di sostegno omogeneo per gli strumenti di gestione del rischio agricolo. Gli Stati Membri hanno sviluppato modelli di gestione del rischio che differiscono nel tipo e nella misura, ma anche nel livello di copertura e sovvenzione. In pratica, sono adattati all’entità dei rischi che si ritrovano ad affrontare.
  • Ogni riforma delle Politiche Agricole Comuni dovrebbe essere compatibile con i modelli di supporto esistenti implementati dagli Stati Membri: dovrebbe aiutare a migliorarli, ampliarli e non mettere mai a rischio i sistemi che funzionano e che hanno fornito aiuto agli agricoltori. Nella prossima Riforma della PAC, le coperture sul rischio di mercato/prezzo dovrebbero essere facoltativamente coperti da redditi o entrate assicurative sovvenzionate.
  • I rischi dovrebbero essere strutturati in diversi livelli di gravità, natura sistemica e lungo l’asse di rischio normale-catastrofico. Questo consentirebbe il posizionamento di diversi strumenti, lo stabilimento dei canali di comunicazioni attraverso i quali trasferire il rischio e la costruzione un partenariato pubblico-privato efficace.
  • Le norme vigenti sono inefficaci per prevenire la crisi reale e la riserva di crisi non raggiunge efficacemente il suo obiettivo.
  • L’attuazione dell’assicurazione entrate/proventi dovrebbe richiedere significativi studi tecnici di fattibilità, compresi i mezzi per valutare le perdite di reddito, lo sviluppo di reddito robusto o indici di entrate, creazione di banche dati, istituire controllo e metodi di monitoraggio, cercando complementarità con sistemi assicurativi esistenti
  • Le esigenze di riassicurazione possono essere grandi e costose, ma c’è spazio per definire una coassicurazione/riassicurazione efficace regimi in un partenariato pubblico-privato.

Laureata in Teoria e Tecnologia della Comunicazione, mi occupo di analizzare e gestire informazioni, contenuti e fonti ufficiali. Inoltre, fornisco un supporto attivo nell’attività di stesura di articoli e aggiornamento dei siti verticali di Digital360.

FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all’uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi