Agricoltura 4.0, asse Microsoft-Cnh per i veicoli connessi

Obiettivo della collaborazione tra Microsoft Azure e Cnh è connettere i veicoli industriali, e nello specifico le macchine agricole, attraverso una nuova piattaforma supportata da Azure, per accedere con facilità ai dati dei veicoli e analizzarli per migliorare la produttività [...]
  1. Home
  2. Big Data
  3. Agricoltura 4.0, asse Microsoft-Cnh per i veicoli connessi

Portare l’innovazione nel settore dei veicoli industriali, e più nello specifico in quello dei macchinari agricoli. Nasce all’insegna di questo obiettivo l’alleanza strategica tra Microsoft e Cnh: attraverso una nuova “service delivery platform” gestita da Cnh e sopportata in cloud da Microsoft Azure, sarà possibile raccogliere e accedere alle informazioni trasmesse dai macchinari: attraverso l’analisi di questi dati sarà possibile migliorare l’efficienza, contare sulla manutenzione predittiva e quindi migliorare anche la produttività delle macchine connesse, tutte equipaggiate con tecnologie di connettività che rendano possibile l’erogazione di servizi a valore aggiunto per gli utenti.

Il cloud Microsoft Azure trasforma le macchine agricole Cnh in servizi

L’accordo riguarda i brand agricoli globali di Cnh Industrial, Case Ih e New Holland Agriculture, oltre ai veicoli commerciali Iveco, che fanno parte dello stesso gruppo.

Proprio i servizi tecnologici potenziati montati a bordo dei veicoli commerciali renderanno possibile l’utilizzo della nuova tecnologia per mettere a disposizione degli utenti nuove funzioni e capacità in tutti i segmenti di mercato, che avranno ricadute positive per i responsabili delle flotte e per i clienti finali.

WEBINAR, 12 MAGGIO
Cloud interoperability: innovazione, efficienza e risparmio a misura d'impresa
Cloud
Digital Transformation

Per chi utilizzerà il servizio infatti sarà possibile tenere sotto controllo una serie di parametri prima sconosciuti, dalle informazioni sulla meccanica allo stile di guida del conducente, consumi di carburante, rendendo possibile la manutenzione predittiva e quindi rendendo più efficienti i mezzi.

 

FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*