Un caffè al gusto di blockhain: qualità garantita grazie alla tecnologia - Agrifood.Tech
FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Un caffè al gusto di blockhain: qualità garantita grazie alla tecnologia

Antonello Salerno

In Val di Susa si realizza il connubio tra una bevanda e antica e ricca di tradizione, il caffè, e una tecnologia nuova e promettente: la blockchain. A metterle insieme è stato Roberto Messineo, torrefattore di Sant’Antonino di Susa, dove ha fondato la Caffè San Domenico.

Oltre alla grande attenzione per la realizzazione del prodotto, che a testimonianza della sua qualità viene servito in più di un ristorante stellato, Messineo ha avviato un progetto basato sulla blockchain grazie al quale è possibile “tracciare” e rendere consultabile a ogni utente interessato tutto il percorso che parte dalla semina e dal singolo chicco di caffè per arrivare alla bevanda servita in tazzine.

Proprio grazie alla blockchain ogni passaggio fino alla vendita viene registrato e reso immodificabile e poi avviato allo step successivo, per garantire in maniera forte la qualità del prodotto e di tutta la filiera di produzione, all’insegna della trasparenza più totale della torrefazione verso i propri clienti.

Ad accompagnare l’imprenditore verso questa avventura, che ovviamente potrebbe essere replicata in diversi altri settori di produzione o di allevamento, è una startup, “Foodchain”, la cui fondazione risale al 2016 e che fa parte della scuderia di quelle incubate all’interno del Parco scientifico tecnologico Comonext di Lomazzo. La loro soluzione consiste nell’associare tutte le informazioni che riguardano un prodotto a un QrCode univoco, attraverso cui sarà possibile accedere a informazioni, notizie, video, certificazioni e immagini  che tracciano la filiera fino al consumatore finale.  Grazie a questo servizio chi comprerà un pacchetto di caffè potrà così sapere con certezza qual è l’area di coltivazione, come e quando è stato raccolto, come ha viaggiato, fino alle fasi della trasformazione finale.

Giornalista dal 2000, dopo la laurea in Filologia italiana e il biennio 1998-2000 all’Ifg di Urbino. Ho iniziato a Italia Radio (gruppo Espresso-La Repubblica). Poi a ilNuovo.it, tra i primi quotidiani online nati in Italia, e a seguire da caposervizio in un’agenzia di stampa romana. Dopo 10 anni da ufficio stampa istituzionale sono tornato a scrivere, prima su CorCom, nel 2013, e poi anche per le altre testate del gruppo Digital360. Mi muovo su tutti i campi dell’economia digitale, con un occhio di riguardo per cybersecurity, copyright-pirateria online e industria 4.0.

FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi