Con Totem Farm, si producono più di 400 piante in un metro quadrato

Un progetto di Vertical Farm Italia e altre aziende che massimizza la produzione a mq ponendo l’accento sul tema dell’ottimizzazione della superficie di suolo occupata, alla base dei futuri sviluppi delle vertical farm [...]
Claudia Costa
  1. Home
  2. Convegni e Workshop
  3. Con Totem Farm, si producono più di 400 piante in un metro quadrato

Basta poco più di un metro quadrato per mettere in produzione contemporaneamente 400 piante di frutta e ortaggi attraverso la tecnica idroponica in un ambiente controllato, automatizzato e indipendente dalle condizioni esterne. Si chiama Totem Farm, la vertical farm realizzata grazie alla collaborazione tra il gruppo Vertical Farm Italia, specializzata nella progettazione di serre per coltivazioni idroponiche ed acquaponiche, e altre aziende, su invito di Studio Comelli e Pordenone Fiere.

Ideata per Novelfarm 2020, il convegno internazionale dedicato ai nuovi sistemi di coltivazione, soilless e vertical farming che si terrà a Podernone Fiere dal 19 al 20 febbraio, l’installazione è in grado di portare lo spettatore nel futuro delle coltivazioni verticali: entrando al suo interno, grazie a un gioco di specchi, si proverà la sensazione di essere uno “sky farmer” sospeso tra frutti e ortaggi. Con questo progetto, si accetta una delle maggiori sfide del settore agroalimentare: quella di massimizzare la produzione a mq ponendo l’accento sul tema dell’ottimizzazione della superficie di suolo occupata, alla base dei futuri sviluppi delle vertical farm.

Le aziende che hanno collaborato al progetto

Le luci a LED per la fotosintesi delle piante sono state prodotte da C-LED, l’azienda di Cefla specializzata nella progettazione e nella produzione di applicazioni elettroniche e soluzioni di illuminazione personalizzate. Per l’occasione, ha prodotto una lampada con uno specifico spettro luminoso efficace per l’indoor farming. sistema di Il sistema di monitoraggio e controllo remoto della struttura è stato sviluppato da AQUATRONICA, azienda incentrata sullo sviluppo di questi sistemi nei settori dell’allevamento industriale di pesci e mitili, dell’irrigazione su larga scala di piantagioni e serre, delle piscine ecc.

Dell’impianto di refrigerazione della soluzione nutritiva si è occupato TECO, specializzata nella creazione di unità di raffreddamento di nuova generazione con elevate prestazioni e notevoli risparmi energetici per la protezione dell’ambiente. HY-TEX ha prodotto i supporti di coltivazione, mentre la struttura è stata realizzata da C.N.C. e Maurizio Vanni, Interior Designer. Il progetto è stato allestito nei locali messi a disposizione dal Comune di Torrita di Siena.

Dopo la conclusione di NovelFarm 2020, il progetto Totem Farm proseguirà per altri due mesi circa producendo ortaggi che verranno utilizzati in altri eventi organizzati da Pordenone Fiere, che ha deciso di donare la Totem Farm a una realtà del territorio al quale continuerà a dare i propri frutti.

 

Immagine fornita da Shutterstock.

FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*