Mordy.it: l’app per digitalizzare i menù di bar e ristoranti e ridurre il rischio di contagio

È nel cuore della Food Valley, a Salsomaggiore Terme (in provincia di Parma), che Massimo Ceriati e Christian Viaggio decidono di aiutare concretamente bar, ristoranti e pizzerie a ripartire in totale sicurezza, in modo gratuito e contactless [...]
  1. Home
  2. Made in Italy
  3. Mordy.it: l’app per digitalizzare i menù di bar e ristoranti e ridurre il rischio di contagio
Massimo Ceriati e Christian Viaggio

Per sostenere il settore della ristorazione, uno dei più colpiti dalla crisi economica innescata dalla pandemia da Covid-19, nasce a Parma, in un territorio con una fortissima vocazione agroalimentare, Mordy.it: la piattaforma gratuita che trasforma i menù di ristoranti e bar in formato digitale, attraverso un codice QR da esporre in vetrina o sui tavoli del proprio locale. I clienti, inquadrando il codice, potranno visualizzare direttamente sul loro smartphone il menù o il listino prezzi, e condividerlo sui social network e attraverso Whatsapp. Ancora una volta è il digitale che aiuta a rispettare le misure di prevenzione applicate contro il contagio che impongono la sanificazione o sostituzione dei menù cartacei una volta maneggiati dai clienti.

A svilupparla, Massimo Ceriati insieme a Christian Viaggio, cofondatori di Studio Réclame, una Digital Creative Agency che offre un’ampia gamma di servizi di comunicazione integrata.

INFOGRAFICA
Manufacturing verso l’Industry 5.0: sfrutta i vantaggi della monetizzazione dei dati!
Big Data
Digital Transformation

Secondo gli ultimi numeri calcolati da Fipe (Federazione italiana pubblici esercenti), dall’inizio dell’anno il settore degli esercizi pubblici ha già perso 12 miliardi di euro e a fine 2020 la perdita complessiva potrà arrivare a 28 miliardi di euro, con 50 mila imprese e 300 mila posti di lavoro a rischio. E’ per questo che hanno voluto aiutare concretamente tutte queste realtà a ripartire in modo gratuito e contactless, rispettando così le norme igieniche di sicurezza.

FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*