Spreco alimentare

Rovagnati con Banco Alimentare contro lo spreco. Parte il contest per donare 150 mila pasti

Rovagnati entra a far parte della community "We Save & Care" di Banco Alimentare e lancia il contest "La Bontà Conta": i consumatori potranno vincere un anno di bollette pagate e contribuire a donare 150.000 pasti per le famiglie in difficoltà [...]
  1. Home
  2. Sostenibilità
  3. Rovagnati con Banco Alimentare contro lo spreco. Parte il contest per donare 150 mila pasti

Si sa che da soli non si vince. E l’unione fa la forza anche e soprattutto quando si parla di spreco alimentare. In questa direzione, Rovagnati ha deciso di rafforzare la storica collaborazione con Banco Alimentare entrando a far parte della nuova community We Save & Careun programma strutturato in 7 punti che hanno lo scopo tanto di sensibilizzare sul valore del cibo e sull’importanza della condivisione quanto di incitare ad agire concretamente. L’ingresso nella community rappresenta un ulteriore passo in un cammino che l’azienda e la fondazione condividono: è infatti dal 2018 che Rovagnati supporta la Fondazione Banco Alimentare Onlus con l’obiettivo di garantire un sostegno costante alle comunità.

Rovagnati entra nella We Save & Care community di Banco Alimentare

I sette punti del programma We Save & Care sono così articolati:

  1. DAI VALORE AL CIBO: Il cibo è un dono che dà dignità alla persona. Compi azioni responsabili e consapevoli.
  2. GUARDATI INTORNO: Riconoscere il bisogno è il primo passo per cambiare le cose.
  3. SII PROPOSITIVO: Le tue azioni, anche le più piccole, possono contribuire a cambiare il mondo.
  4. DONA IL CIBO: Condividilo con chi ne ha più bisogno o sostieni chi può farlo.
  5. COMBATTI LO SPRECO: Non buttare il cibo ancora buono, è una risorsa e c’è chi non ne ha.
  6. FAI RETE: È dalla collaborazione che nascono le più grandi imprese.
  7. DIVENTA UN AMBASSADOR: Coinvolgi chi è intorno a te, insieme faremo la differenza!

L’approccio alla food sustainability di Rovagnati

Ma non finisce qui perché dall’11 aprile prende il via la nuova iniziativa La bontà conta che durerà fino al 13 agosto. In pratica, acquistando almeno un prodotto Rovagnati o 100 gr. al banco gastronomia si avrà la possibilità di vincere un anno di bollette pagate e sostenere Banco Alimentare nella distribuzione di alimenti pari 150.000 pasti (1 pasto equivalente corrisponde a 500g di alimenti in base ai LARN – Livelli di Assunzione di Nutrienti ed energia per la popolazione italiana) a sostegno delle famiglie in difficoltà.

WHITEPAPER
Cosa si può chiedere a ChatGPT? Scarica la guida 2023: consigli per l’uso, esempi ed opinioni
Agrifood
CRM

Le attività di contrasto allo spreco alimentare rientrano nell’ambito di Rovagnati Qualità Responsabile (RQR), il programma di Corporate Social Responsibility con cui l’azienda si fa promotrice di uno sviluppo sostenibile del business, attento ai prodotti e alle persone. Grazie alle diverse attività con i propri partner, nel corso del 2022 Rovagnati ha donato una quota pari a 19.3 tonnellate di cibo.

Sposare la causa della sostenibilità insieme

“Il sostegno alla comunità è uno dei cardini dell’impegno di Rovagnati per una transizione che abbia un approccio olistico verso la sostenibilità, in grado di coinvolgere tutti gli aspetti della vita aziendale – commenta Gabriele Rusconi, Managing Director e Board Member di Rovagnati – L’ingresso nella community We Save & Care di Banco Alimentare è un ulteriore passo del nostro impegno per supportare chi, ogni giorno, è impegnato in tutto il territorio per contrastare gli sprechi alimentari. Come azienda alimentare abbiamo la responsabilità di essere in prima linea contro questo problema”.

“In un momento come quello attuale, segnato da una profonda crisi economica e sociale, abbiamo bisogno di partner fedeli su cui poter contare per condividere il comune costante impegno a sostegno di chi è in difficoltà” aggiunge Giovanni Bruno, Presidente della Fondazione Banco Alimentare Onlus.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


FacebookTwitterLinkedInWhatsApp