Etichette alimentari

Gli studi del JRC alimenteranno la revisione delle norme UE sulle etichette alimentari

I risultati di quattro studi scientifici condotti dal Joint Research Centre (JRC) della Commissione europea relativi all’informazione dei consumatori sui prodotti alimentari per mezzo delle etichette contribuiranno alla proposta di revisione del regolamento FIC o Food Information to Consumer [...]
  1. Home
  2. UE
  3. Gli studi del JRC alimenteranno la revisione delle norme UE sulle etichette alimentari

Le etichette alimentari giocano un ruolo importante nell’aiutare i consumatori a compiere scelte alimentari informate, sane e sostenibili. Dagli studi scientifici condotti dal Joint Research Centre (JRC) della Commissione europea relativi all’informazione dei consumatori sui prodotti alimentari emerge che, in generale, i consumatori apprezzano le label nutrizionali poste sulla parte anteriore della confezione come modo semplice e veloce per ottenere informazioni quando fanno la spesa e preferiscono etichette sintetiche semplici, colorate e valutative, che sono più facilmente comprensibili, rispetto a quelle monocromatiche più complesse.

Inoltre, al di là delle disparità nella frequenza e nel contenuto delle informazioni che variano per settore e paese, le informazioni sugli alimenti fornite attraverso mezzi diversi dall’etichettatura, come le etichette sugli scaffali e i display dei punti vendita, possono essere efficaci nell’incoraggiare i consumatori ad adottare comportamenti alimentari sani, rispetto ai mezzi online che richiedono l’utilizzo di strumenti esterni. Un altro elemento che influenza notevolmente le scelte alimentari dei consumatori sono le informazioni sul paese d’origine e sulla provenienza.

Le evidenze emerse contribuiranno alla definizione delle politiche future; in particolare, alla base di prove che informa la valutazione d’impatto di una proposta della Commissione atta a revisionare il regolamento FIC o Food Information to Consumer, nel quadro della strategia europea “Farm to Fork” e del Piano di lotta contro il cancro. L’obiettivo è creare le condizioni per una etichettatura sempre più chiara e trasparente e disporre di uno strumento per limitare il food waste e sfruttare le potenzialità della tracciabilità. Questi risultati sosterranno anche il lavoro preparatorio per la prossima proposta della Commissione per un quadro legislativo sui sistemi alimentari sostenibili (FSFS) e per un quadro di etichettatura di sostenibilità per informare gli aspetti nutrizionali, climatici, ambientali e sociali del prodotto alimentare.

Sì alle etichette alimentari front-of-pack, semplici e colorate

L’etichetta nutrizionale front-of-pack è uno degli strumenti che supportano la prevenzione delle malattie non trasmissibili legate alla dieta come le malattie cardiovascolari, il diabete o i tumori. In base alle attuali norme UE, la fornitura di informazioni nutrizionali sulla parte anteriore dell’imballaggio è possibile su base volontaria. Tuttavia, la Commissione europea ha annunciato, sia nella sua strategia “Dal produttore al consumatore” che nel Piano europeo per la lotta contro il cancro, una proposta per un’etichettatura nutrizionale obbligatoria armonizzata per l’UE.

Lo studio del JRC ha dimostrato che i consumatori generalmente apprezzano le etichette alimentari front-of-pack descrivendole come un modo semplice e veloce per acquisire informazioni nutrizionali prima di prendere decisioni di acquisto. E visto che le etichette meno complesse richiedono meno attenzione e tempo per i consumatori da elaborare, i consumatori, compresi quelli a basso reddito, sembrano preferire etichette sintetiche semplici, colorate e valutative, che sono più facilmente comprensibili, rispetto alle etichette monocromatiche più complesse, non valutative.

Per questo, le etichette nutrizionali front-of-pack possono guidare i consumatori verso diete più sane. D’altro canto, questo tipo di etichette sembra fornire incentivi alle imprese alimentari per migliorare la qualità nutrizionale dei loro prodotti, ad esempio riducendo il sale aggiunto o gli zuccheri.

Alcolici: il 90% delle birre in mercato riporta gli ingredienti

Ai sensi del FIC, le bevande alcoliche contenenti più dell’1,2% di alcol in volume sono esenti dall’obbligo di indicare un elenco di ingredienti e una dichiarazione nutrizionale sull’etichetta del prodotto. Gli operatori economici possono tuttavia fornirli su base volontaria.

Lo studio del JRC ha scoperto che, nell’UE-27 l’industria delle bevande alcoliche ha preso in considerazione la possibilità di fornire volontariamente ingredienti e informazioni nutrizionali sulle etichette delle bevande alcoliche. Una su tutte è l’industria della birra che riporta informazioni sugli ingredienti sulla maggior parte (circa il 90%) delle birre sul mercato e informazioni sull’energia in misura minore (circa il 25-50% dei prodotti a base di birra).

WHITEPAPER
Le tecnologie a supporto dell’eccellenza agroalimentare italiana
Manifatturiero/Produzione
Retail

I sidro/peri e i prodotti “pronti da bere” contengono informazioni comparabili nell’UE: circa la metà dei prodotti contiene informazioni sugli ingredienti e fino al 40% contiene informazioni sul contenuto energetico. Le informazioni sugli ingredienti o sull’energia si trovano meno frequentemente sugli alcolici e molto raramente sui prodotti vitivinicoli. Gli attributi dell’etichetta che reindirizzano i consumatori verso ingredienti off-label e le informazioni nutrizionali sono rari.

Meglio reperire le informazioni in store

Oltre alle etichette delle confezioni, gli scienziati hanno condotto una revisione della letteratura sulle fonti alternative di informazioni sugli alimenti disponibili sul mercato ed esaminato come i consumatori utilizzano, comprendono e sono influenzati da queste fonti di informazione.

Stando alle conclusioni generali, i mezzi che forniscono accesso diretto alle informazioni sugli alimenti sul mercato, come le etichette dei menu, le etichette degli scaffali e i cartelli dei punti vendita, possono essere efficaci nell’influenzare i consumatori verso comportamenti sani, rispetto ai mezzi online che richiedono strumenti esterni per accedere alle informazioni (ad esempio, codici QR o collegamenti a siti Web).

Se non sono riportate sulla confezione alimentare, le informazioni sugli alimenti dovrebbero essere direttamente visibili sul mercato per poter influenzare i consumatori. C’è comunque bisogno di ulteriori ricerche che confrontino la fornitura di informazioni sugli alimenti attraverso etichette e mezzi digitali.

L’origine ha un’influenza sostanziale sulle scelte alimentari

Infine, gli scienziati hanno esaminato la letteratura sull’impatto delle informazioni sull’origine dei prodotti alimentari sulle decisioni di acquisto e sul consumo cercando di scoprire come e perché i consumatori usano, comprendono e sono influenzati dalle informazioni sull’origine, arrivando alle seguenti conclusioni.

Le informazioni sia sul paese di origine che sul luogo o sulla regione di origine hanno un’influenza sostanziale sulle scelte alimentari dei consumatori. Questo perché forniscono uno spunto per prodotti di buona qualità e rispettosi dell’ambiente; e poi, i consumatori in media amano sostenere i loro agricoltori locali o nazionali e l’industria alimentare.

C’è poi un paradosso perché se nei sondaggi i consumatori riferiscono di attribuire importanza alle informazioni sull’origine, quando fanno acquisti, riescono a concentrarsi meno sulle informazioni sull’origine di quanto vorrebbero (a causa della pressione del tempo, dell’attrattiva dei marchi, ecc.).

FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


FacebookTwitterLinkedInWhatsApp