Api per monitorare l’ambiente: a ComBEEnazioni la tappa romana di AgriAcademy - Agrifood.Tech
FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Api per monitorare l’ambiente: a ComBEEnazioni la tappa romana di AgriAcademy

Antonello Salerno

La prima tappa di AgriAcademy, che si è tenuta a Roma dal 18 al 20 ottobre, si è conclusa con la vittoria del progetto ComBEEnazioni, nato dall’idea dell’imprenditrice agricola Milena Zarbà, attorno al quale hanno lavorato nel corso della manifestazione un gruppo di sei giovani innovatori: Sergio Fronteddu, Antonello Garra, Giuseppina Solinas, Rocco Vallorani, Luca Rando, Michele Aliotta. ComBEEnazioni è un progetto di monitoraggio ambientale e dell’alveare attraverso l’innovazione messa a disposizione e dalle strumentazioni tecnologiche, da utilizzare per certificare il prodotto finale. L’obiettivo è migliorare la vita delle api e, conseguentemente, il prodotto finale, da offrire al consumatore in modo certificato. Ma allo stesso tempo la raccolta di dati di monitoraggio ambientale diventa, ne pieno spirito tecnologico che caratterizza l’agricoltura 4.0,  anche fonte di informazioni per le comunità locali e gli enti pubblici, disponibili attraverso un’app e un sito Internet.

AgriAcademy è il progetto di alta formazione ideato e sviluppato da Ismea  in collaborazione con il ministero delle Politiche agricole e forestali, che nei prossimi giorni si sposterà per le due tappe successive a Bologna e Bari, con le medesime modalità, ispirato alle metodologie del design thinking e della progettazione user-centrica: i migliori progetti saranno premiati con un tutoraggio personalizzato azienda. Si tratta in sostanza di una maratona non stop, una sorta di bootcamp creativo, in cui giovani imprenditori agricoli partecipanti, con l’aiuto del team di #Ruralhack, sotto la guida di Alex Giordano e dei mentor dell’Osservatorio SmartAgrifood, hanno la possibilità di sviluppare i propri progetti di impresa, fino a proporre i primi prototipi della loro idea. A comporre la giuria della tappa romana Andrea Bacchetti,  direttore dell’Osservatorio Smart Agrifood, Fulvio Pellegrini dell’Università Sapienza di Roma e Roberto Milletti di Ismea. 

A raggiungere la finale insieme al progetto vincitore sono stati “Orto dei miracoli” (kit pronto “made in Tuscany” composto di piante e semi certificati biologici, terriccio e concimi autoprodotti dagli scarti organici aziendali, e finalizzato a diffondere le piante da orto biologiche tra hobbisti e appassionati), “Distilleria Italiana” (come ricavare grappe e brandy dai prodotti autoctoni della Tuscia e dell’alto Lazio, ma anche di altri territori, come fico d’india, melograno, frutta e carciofi, mirto, fiori e piante aromatiche), e “Bosco aumentato”, che propone un nuovo modo di utilizzo, valorizzazione e gestione del bosco che coniuga sport, agricoltura e tecnologia.

Giornalista dal 2000, dopo la laurea in Filologia italiana e il biennio 1998-2000 all’Ifg di Urbino. Ho iniziato a Italia Radio (gruppo Espresso-La Repubblica). Poi a ilNuovo.it, tra i primi quotidiani online nati in Italia, e a seguire da caposervizio in un’agenzia di stampa romana. Dopo 10 anni da ufficio stampa istituzionale sono tornato a scrivere, prima su CorCom, nel 2013, e poi anche per le altre testate del gruppo Digital360. Mi muovo su tutti i campi dell’economia digitale, con un occhio di riguardo per cybersecurity, copyright-pirateria online e industria 4.0.

FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all’uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi