Il ruolo della ricerca nell'agricoltura sostenibile - Agrifood.Tech
FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Il ruolo della ricerca nell’agricoltura sostenibile

Claudia Costa

Aumentare la produzione di derrate, migliorare il tenore di vita di produttori e consumatori, adeguarsi a mercati stabili con il risultato di una famiglia tipica che correntemente destina alle spese alimentari solo il 20% del reddito. Questi sono alcuni degli obiettivi a cui l’agricoltura ha risposto negli ultimi 60 anni. Contestualmente, gli addetti all’agricoltura, che nel 1945 erano il 46% del totale nazionale, sono scesi al 4-5% liberando così la forza lavoro necessaria allo sviluppo industriale.

Oggi la società pone all’agricoltura obiettivi addizionali e nuove priorità: considerare i rapporti tra produzione e salubrità alimentare e quindi produrre di più e in maniera sostenibile; utilizzare il terreno e il territorio secondo criteri di sostenibilità; salvaguardare il paesaggio, la biodiversità degli ecosistemi, la fertilità del suolo, la qualità dell’aria e delle acque; prevenire o mitigare gli effetti del cambiamento climatico. Sfide complesse e ambiziose. Soddisfare la crescente domanda di cibo con prodotti di qualità, sani e nutrienti, in un contesto climatico alterato sono solo alcune delle domande a cui la ricerca deve rispondere.

Di tutto questo si è discusso al convegno dal titolo “Raccogliere i benefici della scienza per la sostenibilità nella produzione agricola primaria” . L’iniziativa, organizzata dal CREA, il principale Ente di ricerca italiano dedicato alle filiere agroalimentari, vigilato dal Ministero delle politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo (Mipaaft), insieme all’Accademia dei Lincei e all’Accademia dei Georgofili, è stata dedicata al contributo della conoscenza scientifica allo sviluppo di sistemi agricoli sostenibili, ma ad elevata produttività nel rispetto del territorio e delle sue risorse. Per il CREA sono intervenuti il Prof. Michele Pisante, Consigliere di Amministrazione, la Prof.ssa Alessandra Gentile, Vice Presidente e il Dott. Marcello Mastrorilli, ricercatore del Centro Agricoltura e Ambiente.

Senza ricerca e senza innovazione tecnologica, infatti, non è possibile attuare una corretta gestione delle risorse non rinnovabili come il suolo e l’acqua, o ridurre le emissioni climalteranti con tecniche innovative e buone pratiche in agricoltura e nell’allevamento o sviluppare nuove varietà che si adattino al mutato contesto climatico. La ricerca ha cioè anche lo scopo di indirizzare modalità che permettano una riduzione dei rischi collegati ai cambiamenti climatici e una visione più ampia e completa delle tematiche del Risk Management collegato al mondo agricolo.

La tutela del suolo e dell’acqua per una produzione sostenibile

Una gestione sostenibile del suolo comporterebbe un aumento del 56% delle produzioni a fronte di una popolazione che nel 2050 si prevede aumenterà del 60% rispetto all’attuale (stime FAO).

“Una gestione sostenibile del suolo – ha sostenuto nel suo intervento Marcello Mastrorilli, ricercatore del CREA Agricoltura e Ambiente – ha ricadute positive anche sull’acqua. Un suolo sano e nutrito riesce a trattenerla di più e a ridurne le perdite causate da evaporazione, drenaggio e ruscellamento. L’uso efficiente dell’acqua implica, però, l’irrigazione sostenibile, che prevede tecniche agronomiche finalizzate al mantenimento della fertilità dei suoli nonché appropriate sistemazioni idrauliche. Un insieme di opere e di interventi tecnici che regolano i flussi di acqua, di fondamentale importanza per la salvaguardia del territorio, della fertilità del terreno e degli impianti agricoli. In questa direzione, vanno sia le tecniche di agricoltura conservativa sia le innovazioni tecnologiche dell’agricoltura digitale.”

FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all’uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi