Sostenibilità nel piatto: Pasta Garofalo e Al.ta Cucina responsabilizzano la social community alla cucina anti-spreco

“Adesso Pasta!” è il progetto social e multi-canale che ha visto coinvolti lo storico pastificio di Gragnano e la mediatech company e community del food in un Osservatorio social interattivo volto a sensibilizzare e mobilitare la community di 5 milioni di foodies rispetto alla tematica dello spreco alimentare a tavola [...]
  1. Home
  2. Sostenibilità
  3. Sostenibilità nel piatto: Pasta Garofalo e Al.ta Cucina responsabilizzano la social community alla cucina anti-spreco

E’ giunta l’ora di tornare alle origini, e di iniziare a cucinare con un occhio di riguardo verso quel posto che da tanti anni ci nutre, il nostro Pianeta. E’ questa la filosofia da cui si è sviluppato il progetto multicanale “Adesso Pasta!” nato dalla collaborazione tra lo storico pastificio di Gragnano, Pasta Garofalo e la mediatech company e community del food, Al.ta Cucina per incitare la social community di 5 milioni di foodies a ripensare scelte e utilizzo dei prodotti, oltre che a capire come sfruttare anche quegli ingredienti rimasti nel frigo che troppo spesso per leggerezza o mancanza di creatività verrebbero buttati.

Una campagna che, partendo da un Osservatorio Social realizzato tramite storie interattive su Instagram e Facebook (marchio di fabbrica di Al.ta Cucina per quanto riguarda analisi e ricerche di mercato), è riuscito a ottenere in organico 3.900.000 Impressions e oltre 182.600 Interazioni nei sondaggi, ingaggiando e attivando una community verso comportamenti più sostenibili in cucina: dall’utilizzo di prodotti stagionali alla scelta di packaging riciclabili, dal riciclo creativo degli avanzi ai trucchi per evitare gli sprechi alimentari.

“Noi di Pasta Garofalo siamo da sempre attenti ad ascoltare e soddisfare le esigenze dei nostri consumatori, e oltre all’utilizzo di materie prime di alta qualità che garantiscono un gusto unico a tutti i nostri prodotti, ci siamo impegnati a offrire con il nostro lavoro il rispetto di alti standard di sostenibilità, che tutelino la qualità dell’ambiente, del territorio e delle persone. La collaborazione con Al.ta Cucina conferma l’impegno di Pasta Garofalo contro lo spreco alimentare e all’insegna di uno stile di vita più sostenibile e salutare” commenta Emidio Mansi, Direttore commerciale Italia del Pastificio Garofalo 

Mobilitare e responsabilizzare verso il problema dello spreco alimentare una collettività di 5M di utenti

Come anticipato poc’anzi, è stato un Osservatorio Social, nello specifico un’indagine condotta attraverso una serie di domande interattive su Instagram per capire quanto la community fosse vicina al tema della sostenibilità alimentare, a dare il via ad un progetto durato otto mesi, da maggio a dicembre 2020. A questo punto, è partita la sfida: ogni mese Al.ta Cucina ha ricevuto un pacco da Pasta Garofalo, in stile “mistery box” di MasterChef, contenente una serie di ingredienti stagionali e due pacchi di pasta con cui creare un piatto di pasta buono e sostenibile insieme alla community, facendosi consigliare nelle Stories i prodotti da scegliere e combinare.

Al.ta Cucina ha inserito anche dei bonus ingrediente, ovvero la possibilità di aprire il frigo ed aggiungere un ingrediente extra, sulla scia delle ricette “svuota-frigo”. Queste creazioni si sono poi trasformate in vere e proprie video ricette, distribuite sui canali social del brand e raccolte nel profilo del brand Pasta Garofalo nella piattaforma social altacucina.co. Il tutto è stato accompagnato da diversi suggerimenti e consigli pratici pensati insieme a Pasta Garofalo che hanno aiutato la community a conoscere e perseguire uno stile di vita (ma soprattutto di cucina) più attento e votato al sostenibile. Un’attività curiosa e divertente si è rivelato anche e soprattutto formativa e utile, coinvolgendo, mobilitando e responsabilizzando verso il problema dello spreco alimentare una collettività di 5M di utenti.

Coinvolgere il pubblico social tramite un canale culinario per  abitudini di consumo più sostenibili

Il progetto editoriale multicanale ha registrato numeri strepitosi: le video ricette hanno raccolto 6.300.000 views e 310.800 interazioni; le stories 3.900.000 impressions e 182.600 interazioni con i sondaggi. Tramite Storie interattive su Instagram e Facebook, Al.ta Cucina è in grado di ottenere importanti dati riguardo trend, abitudini e percezioni dei brand e dei loro prodotti con una media di 6000 risposte a domanda ottenute in meno di 24h. Per questo progetto specifico, con il format “I Sondaggi di Al.ta Cucina”, è stato possibile captare come gli italiani vivono la sostenibilità in cucina e come questa influisca nelle loro abitudini d’acquisto, contribuendo poi a un cambio di percezione e a una maggiore responsabilità e coscienza rispetto alla tematica dello spreco alimentare. 

WEBINAR, 28 APRILE
eCommerce come costruire una user experience multicanale ed efficace
Marketing
Pagamenti Digitali

“Siamo convinti che ognuno possa dare un contributo nel proprio piccolo per accrescere la sensibilità verso tematiche importanti come la salvaguardia del pianeta. Al.ta Cucina per il 2021 vuole andare oltre le ricette e offrire diversi contenuti che partano sì dalle cucine degli italiani ma che spazino anche sull’ecosistema che le circonda, lasciando un’impronta positiva nel rapporto delle persone tra cibo e ambiente” spiega Alessandro Tartaglia, Co-founder di Al.ta Cucina che aggiunge “Il progetto con Pasta Garofalo è un esempio perfetto di questa nostra volontà e di come, attraverso un canale culinario si possano toccare anche tematiche, come la trasformazione delle abitudini di consumo di una community e la sensibilizzazione verso una cucina più sostenibile”.

 

 

 

Immagine fornita da Shutterstock.

FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*