Cloud e Big Data di Oracle in aiuto alle Api da miele - Agrifood.Tech
FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Cloud e Big Data di Oracle in aiuto alle Api da miele

Mauro Bellini

L’importanza delle api da miele per l’equilibrio e la sostenibilità ambientale è un valore fondamentale e insostituibile. Il circolo virtuoso dell’impollinazione produce effetti di importanza straordinaria di cui, purtroppo, avvertiamo l’importanza solo nel momento in cui rischiamo di perderlo. Non solo, l’equilibrio ambientale, frutto del lavoro delle api, è anche paradigmatico di quanto sia importante e fondamentale avere una visione di insieme di tutti i fattori che direttamente e indirettamente concorrono alla sostenibilità del nostro ambiente. Dalla lettura e dalla padronanza dei dati legati a tutti i fattori che incidono sulla vita e sullo “stato di salute” delle api arrivano informazioni preziosissime sullo stato di salute dell’ambiente e sui rischi che si corrono nel momento in cui questo equilibrio viene messo in discussione. Se da una parte è chiaro e importante avere la massima attenzione e sensibilità su questo tema, dall’altro è necessario disporre di una capacità di azione che permetta di capire dove e come agire.

Data collection e soluzioni basate sul Cloud di Oracle

Una risposta importante arriva dal digitale e dall’iniziativa che punta alla raccolta e all’analisi dei dati su una rete internazionale di arnie intelligenti, strutturate, per essere connesse e monitorate attraverso soluzioni basate sul Cloud di Oracle. Dalla data collection alla data analytics per conoscere la vita delle api, per proteggerle e per proteggerci: nasce da questo approccio la collaborazione di Oracle con “The World Bee Project” – un progetto che punta ad analizzare il declino globale delle popolazioni di api da miele nel mondo e aiutare a proteggere questi preziosi insetti, da cui dipende l’equilibrio dell’ecosistema e gran parte dell’alimentazione umana e animale. Le api in particolare impollinano 70 delle 100 specie di piante dalle quali arriva il nutrimento del 90% della popolazione mondiale. Purtroppo, a causa dell’inquinamento e della riduzione degli spazi vitali, l’ambiente sta diventando sempre più inospitale per questi insetti. Gli effetti congiunti legati al cambiamento climatico, alla riduzione degli habitat con piante da fiore, agli sviluppi dell’agricoltura intensiva, e l’uso di pesticidi sta creando costantemente nuove minacce. Un pericolo che rischia di colpire direttamente la sostenibilità ambientale se si pensa che le api sono responsabili dell’impollinazione di piante che producono un terzo della quantità di cibo mondiale,

Un ascolto digitale della vita delle api

The World Bee Project Hive Network punta a permettere ai ricercatori di analizzare la vita delle api anche attraverso un’azione di ascolto, ad esempio grazie ai dati acustici che vengono rilevati dall’interno delle arnie intelligenti, comprendendo i suoni prodotti dal movimento delle ali e delle zampe delle api. Combinando questi dati con altre misurazioni di precisione, come la temperatura, l’umidità, la capacità di produzione di miele, si arriva a disporre di dati e informazioni preziose per capire lo stato di salute delle colonie di api, con la possibilità di verificare e valutare correlazioni  che permettono di fare previsioni sul loro comportamento. Con queste informazioni gli esperti di conservazione delle specie e agli apicoltori possono agire con maggiore precisione per proteggere le colonie di api con una serie di azioni, come ad esempio con la prevenzione della formazione di sciami nei momenti dell’anno meno opportuni o individuando per tempo e colpendo i predatori, come l’invasiva specie Asian Hornet.

 

In particolare, The World Bee Project è basato sulla tecnologia cloud di Oracle sulla quale approdano i dati raccolti dalla rete di arnie connesse. I dati sono analizzati grazie ad applicazioni di intelligenza artificiale e gli operatori possono sfruttarli, grazie a strumenti innovativi per la visualizzazione dei dati per aumentare la conoscenza sulla relazione tra le api da miele e gli ambienti in cui vivono.

Sabiha Rumani Malik, Fondatore e Presidente Esecutivo di The World Bee Project CIC ha osservato che la vita del pianeta è fortemente legata allo stato di salute delle api, e proteggendo le api e gli altri insetti impollinatori, possiamo risolvere problemi legati alla produzione e alla qualità del cito e ridurre i rischi legati alla perdita di biodiversità.

 

Leggi anche

Api per monitorare l’ambiente: a ComBEEnazioni la tappa romana di AgriAcademy

Blockchain e supply chain: le applicazioni business ready di Oracle

Certified Origins: tracciabilità dell’olio nel segno della blockchain

FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all’uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi