Clean Label: dopo un 2020 da record, Il Granaio delle Idee continua a crescere

L’azienda padovana, specializzata nella produzione di miscele chemical-free per la panificazione e la pasticceria, chiude il semestre in crescita rispetto a un 2020 già esplosivo. Così, incalza l'evoluzione nelle abitudini di consumo attente alla genuinità e salubrità, con una richiesta crescente di pani e lievitati di alta qualità e privi di emulsionanti chimici [...]
  1. Home
  2. Food Industry
  3. Clean Label: dopo un 2020 da record, Il Granaio delle Idee continua a crescere

Dopo aver registrato una crescita del fatturato del 54% nel 2020, per un valore complessivo di circa 10 milioni di euro, il Gruppo padovano specializzato nella realizzazione, anche tailor made e bio, di semilavorati all’avanguardia, clean label e con grani selezionati per il settore della panificazione e della pasticceria, si appresta a chiudere la prima metà del 2021 con un incremento del 10% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Una percentuale che risulta addirittura quadruplicata se si considerano i soli prodotti con destinazione B2B, per artigiani e industria (+40%), mentre un +30% a valore lo incassa il preparato per Pane Funzionale Salus, che si conferma prodotto di punta.

Federico Allamprese, AD e Fondatore de Il Granaio delle Idee

E’ il 1998 quando a Maserà (PD) Il Granaio delle Idee viene fondato da Federico Allamprese che racconta “Utilizziamo da sempre materie prime naturali e biologiche, per una produzione 100% Clean Label. Nel 2020 sono stati quasi 700mila i panettoni e le colombe con questa etichetta. – Del resto, – stiamo assistendo a una vera e propria evoluzione nelle abitudini di consumo, con una richiesta crescente di pani e lievitati di alta qualità e privi di emulsionanti chimici o additivi di sintesi. Non si tratta di una moda, bensì di una tendenza che si sta affermando”.

Abbattere l’uso della chimica a favore della maggiore qualità e salubrità degli alimenti

E proprio per la spiccata predisposizione verso le nuove tecnologie e l’obiettivo di abbattere l’utilizzo della chimica nel mondo della panificazione, l’azienda si è specializzata nell’applicazione naturale degli enzimi con funzione di coadiuvanti dei processi produttivi. Un percorso innovativo per eliminare il diffuso utilizzo degli emulsionanti chimici nella produzione del prodotti da forno e risultato di un’intensa attività di Ricerca & Sviluppo e di un’accurata selezione delle migliori materie prime.

Proprio nella Ricerca e Sviluppo la piccola – un team di 40 persone – ma propulsiva azienda padovana reinveste ogni anno circa il 15% del fatturato. “Se da un lato siamo una PMI, dall’altro siamo un grande laboratorio che trova nuove soluzioni per il settore. Vogliamo far capire che un lievitato può essere facile da produrre anche senza ricorrere ad additivi di sintesi, ma semplicemente sfruttando ingredienti di origine naturale grazie a uno sforzo in ricerca e innovazione”, evidenzia Allamprese.

WHITEPAPER
Il processo d’acquisto nel B2B è cambiato: scopri come costruire una strategia di Inbound Marketing

Tra i nuovi prodotti in cantiere, i mix professionali e per pane fatto in casa con uno specifico apporto nutrizionale per gli sportivi e i consumatori più attenti al benessere e i preparati dedicati ai più piccoli. L’investimento continua anche per i prodotti di maggior successo come le miscele e i coadiuvanti clean label per i grandi lievitati di pasticceria, Volare e Panett-1 Plus, e per le tante tipologie di miscele a base enzimatica.

 

 

FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*