Oltre a forte automazione e massima sostenibilità, ONO EF si distingue anche per qualità del design

Un importante risultato per la startup veronese che, attraverso il design progettato da Thomas Ambrosi, è stata selezionata dall’Osservatorio permanente del Design ADI (Associazione per il Disegno Industriale) per concorrere al Premio Compasso d'Oro ADI 2022 [...]
  1. Home
  2. Made in Italy
  3. Oltre a forte automazione e massima sostenibilità, ONO EF si distingue anche per qualità del design

Progettata per il Farming del presente e del futuro, la soluzione robotizzata per la coltivazione verticale sviluppata dalla startup innovativa veronese, rappresenta l’ecosistema perfetto che coniuga automazione, scalabilità, produttività, sostenibilità e ora anche design. L’ADI Design Index 2020 è il primo volume del ciclo biennale che raccoglie i prodotti preselezionati per il Premio Compasso d’Oro ADI 2022, il più prestigioso riconoscimento della qualità produttiva e progettuale di beni, servizi, processi e sistemi del design italiano. I prodotti inseriti nel volume sono stati scelti secondo una rigorosa metodologia di lavoro ed esclusivi criteri di merito, dall’Osservatorio permanente del Design ADI (Associazione per il Disegno Industriale).

WHITEPAPER
Scopri Digital Workspace: la guida ai servizi gestiti che abilitano lo smart working!
CIO
Dematerializzazione

Un grande orgoglio per Thomas Ambrosi, fondatore di ONO Exponential Farming “che premia il lavoro svolto per rendere una tecnologia rivoluzionaria anche un oggetto di design, figlio della cultura italiana per il bello, l’armonia delle forme ed il benessere dell’anima. Ci piace definirci Game-Changer rispetto a tutto ciò che facciamo ed anche il Design delle nostre farm contribuisce a rendere l’ecosistema ONO ancor più riconoscibile nel mondo. La nostra missione è dare un’accelerazione evolutiva all’attuale tecnologia del vertical farming, grazie al nostro forte know-how in materia di automazione e intelligenza artificiale. Crediamo in un nuovo modo di coltivare, dove la qualità e la disponibilità del cibo, così come la sostenibilità per il nostro Pianeta, siano assolutamente centrali”.

FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*