AgTech: IoT, GPS, BigData e supply chain spingono il mercato oltre i 22MLD nel 2025

Secondo l'ultimo studio di Juniper Research sul mercato Agtech, nel 2025 il 67% del valore di mercato, che raggiungerà 22,5 miliardi di dollari, sarà guidato da soluzioni emergenti che consentono di automatizzare e ridurre il costo di raccolta e analisi dei dati sulle operazioni agricole [...]
  1. Home
  2. Ricerche e rapporti
  3. AgTech: IoT, GPS, BigData e supply chain spingono il mercato oltre i 22MLD nel 2025

Il valore totale del mercato Agtech (tecnologia agricola) raggiungerà i 22,5 miliardi di dollari entro il 2025 con un tasso di crescita medio annuo del 150% nei prossimi cinque anni. Dai sensori agricoli per la gestione delle colture, dalla mappatura GPS del campo, alla gestione della catena di approvvigionamento, l’obiettivo finale è di aumentare la reddittività dei raccolti e ridurre i costi attraverso la connettività e la comprensione dei dati.

Lo studio di Juniper Research, dal titolo Agtech: Market Outlook, Emerging Opportunities & Forecasts 2020-2025, ha identificato i sensori agricoli e la gestione della catena di approvvigionamento come servizi chiave per la generazione di entrate da qui al 2025, arrivando a rappresentare il 67% del valore di mercato totale, grazie alle soluzioni emergenti che consentono la raccolta e l’analisi dei dati a basso costo sulle operazioni agricole.

Sensori di monitoraggio e microfarming guidano la crescita futura

Le soluzioni di connettività a basso consumo sono fondamentali per la crescita futura poiché offrono opzioni convenienti che forniscono un chiaro ritorno sull’investimento alle parti interessate del settore agricolo. La ricerca prevede che la necessità di automatizzare i processi di raccolta dati vedrà il numero di sensori di monitoraggio passare da 170 milioni nel 2020 a 436 milioni entro il 2025. Questi sensori consentiranno il monitoraggio del clima, dell’idratazione e dei livelli di pH del suolo, per ridurre al minimo le inefficienze operative.

Il report prevede inoltre che i servizi di microfarming (con cui si intende il processo di utilizzo di piccole aree geografiche per l’agricoltura che spesso sfrutta le tecnologie di connettività per monitorare e gestire la produzione agricola su piccola scala) supereranno i 6,7 miliardi di dollari entro il 2025 dai 2,7 miliardi di dollari nel 2020, una crescita guidata dallo sviluppo di servizi agtech innovativi, come l’agricoltura verticale e la gestione automatizzata delle colture.

FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*