Il bio-robot che pulisce i campi di orticole senza inquinare

Messo a disposizione delle aziende agricole italiane da CAI - Consorzi Agrari d’Italia, Dino è una macchina di ultima generazione che grazie a quattro motori elettrici e ai satelliti, riesce a muoversi in autonomia nei campi di orticole per ripulire i terreni nel pieno rispetto dell'ambiente [...]
  1. Home
  2. Sostenibilità
  3. Il bio-robot che pulisce i campi di orticole senza inquinare

Un futuro sempre più green con una tecnologia sostenibile al servizio dell’agricoltura e dell’ambiente. E’ arrivato il robot biologico che, equipaggiato con quattro motori elettrici e grazie ai satelliti, riesce a muoversi in autonomia nei campi di orticole per ripulire i terreni senza inquinare e nel pieno rispetto dell’ambiente. Si chiama “Dino”, la macchina di ultima generazione presentata da CAI – Consorzi Agrari d’Italia e messa a disposizione delle aziende agricole italiane, in grado di trattare quattro ettari di terreno al giorno in modo totalmente sostenibile.

Infatti, come spiega la nota stampa Dino “introduce il concetto di diserbo meccanico perché in grado di lavorare i campi senza l’utilizzo di prodotti chimici”. Nata da un’idea di una startup francese, che sarà disponibile in accordo con la società Agrico, testimonia l’intensa attività di ricerca di tecnologie avanzate, in tutto il mondo, da parte di Consorzi Agrari d’Italia, con l’obiettivo di rendere più efficaci e sostenibili i processi produttivi in agricoltura.

WEBINAR
Telco per l'Italia: come accelerare la trasformazione. Le opportunità di PNRR e Cloud
Manifatturiero/Produzione
Telco

“Mettiamo a disposizione delle aziende agricole italiane questa innovazione che unisce un grande risparmio in termini di costi di prodotti al rispetto dell’ambiente – spiega il responsabile commerciale di CAI, Ivan Cremonini – Consorzi Agrari d’Italia si conferma punto di riferimento del Paese per la fornitura di tecnologie e servizi per l’agricoltura di precisione

FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*