SAS: l’ecosistema IoT analytics sostiene anche l’agricoltura di precisione

Distribuendo sensori connessi, le aziende possono utilizzare le analitiche basate sull’IoT per garantire la catena del freddo e quindi assicurare la corretta conservazione dei materiali biologici, analizzare in tempo reale i dati raccolti in campo per difendere le coltivazioni, aumentarne la resa e soddisfare la domanda dei clienti, migliorare le previsioni energetiche per alleggerire le bollette e proteggere persone e proprietà da inondazioni

Pubblicato il 08 Giu 2021

admin-ajax (2)

In un report IDC FutureScape: Worldwide Agriculture 2021 Predictions, gli analisti hanno previsto che, entro il 2026 il 75% degli allevatori di bestiame utilizzerà dispositivi wearable per fornire informazioni in tempo reale sulla salute degli animali e sui livelli di attività e il 35% degli agricoltori utilizzerà droni per monitorare gli allevamenti e le coltivazioni nei campi, riducendo così i costi di manodopera e riuscendo a coprire una superficie maggiore. Utilizzando i dati raccolti dai sensori (integrati con lo standard LoRaWAN®) sul bestiame o ottenuti dai droni smart che sorvegliano i campi, l’ecosistema IoT Analytics firmato SAS aiuta gli agricoltori a proteggere le coltivazioni, ad aumentarne la resa e a soddisfare la domanda dei clienti. Ma non solo, perché può risultare utile per affrontare le principali sfide nella logistica della catena del freddo, nella previsione delle inondazioni e nella gestione energetica degli edifici.

Per approfondire, puoi leggere l’articolo sulla testata di Internet4Things.

Immagine fornita da Shutterstock

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 3